Manovra: Mollicone, emendamenti per incentivi a scuole jazz

Manovra: Mollicone, emendamenti per incentivi a scuole jazz

Istituire Direzione generale musica

“La musica rappresenta il prestigio della nostra nazione e il jazz va sostenuto come espressione artistica di altissimo profilo con autori italiani di prestigio internazionale. Presenteremo nella legge di bilancio incentivi fiscali per le scuole di musica jazz, cosi’ da poter formare una nuova generazione di jazzisti. Un credito d’imposta per le scuole che possa garantire la crescita di un nuovo vivaio musicale. Inoltre, proporremo l’introduzione di specifici insegnamenti nelle scuole, di natura curriculare, e non, come lo stato attuale, extracurricolare e con pochi fondi”.

L”ha affermato Federico Mollicone, deputato di Fratelli d’Italia e capogruppo nella commissione Cultura a Montecitorio.

“E’ necessario istituire, nell’ambito del ministero della Cultura, la Direzione generale musica. E’ innegabile l’importanza fondamentale dell’attivita’ di promozione della produzione musicale nazionale per consentire alla cultura e alla capacita’ creativa italiane di esprimersi rispettando la varieta’ e la ricchezza della cultura europea ed extraeuropea”. Poi ha ricordato l’emendamento presentato alla delega sullo spettacolo: “In una specifica proposta di legge abbiamo chiesto l’istituzione del Fondo per il sostegno della musica jazz, con una dotazione di 1 milione di euro per l’anno 2021 e di 2 milioni di euro annui da destinare alla promozione di eventi legati alla musica jazz. Bisogna rilanciare la domanda di cultura, introducendo un sistema fiscale di detrazione delle spese per l’acquisto di beni e servizi culturali, quali l’acquisto di biglietti di ingresso e di abbonamenti a musei, cinema, concerti, spettacoli teatrali e dal vivo, e le spese sostenute per l’acquisto di libri e di materiale audiovisivo protetti da diritti d’autore”.

Condividi